Arredo bagno ecosostenibile: il bagno non è mai stato così green

Dalle finiture ai materiali, dai pannelli alle essenze di legno, oggi il design della stanza da bagno è ecologico e rispettoso dell’ambiente.

Nel post di oggi affrontiamo il tema della sostenibilità ambientale dell’arredamento di design per il bagno. E scopriamo come, grazie a sofisticate tecnologie produttive e agli investimenti in ricerca e sviluppo, la stanza da bagno possa essere arredata con soluzioni esteticamente di tendenza nel pieno rispetto della natura e della salute, che mai come oggi vanno preservate.

Scegliere arredo bagno green: cosa significa?

Come orientare le proprie scelte nell’ottica dell’eco design, ovvero di quegli elementi d’arredo che vengono realizzati con cicli produttivi a ridotto impatto ambientale? Ecco alcuni suggerimenti per capire come puoi arredare il tuo bagno di design con un occhio di riguardo per il futuro del pianeta.

1. Lavorazioni green

Scegliere design ecologico significa in primo luogo individuare le aziende che prestano una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale dei propri cicli produttivi, che vengono predisposti in modo da ridurre le emissioni, limitare o eliminare gli sprechi di prodotto, recuperare materie prime del territorio.

2. Made in Italy

Prediligere aziende che lavorino con artigiani e realtà locali è una scelta green, lo sapevi? Significa valorizzare le risorse del territorio, evitando grossi spostamenti per i trasporti (e i relativi costi ambientali), oltre che conservare tradizioni locali e saperi accumulati nel tempo. Insomma, l’arredo bagno made in Italy è una scelta ecologica.

3. Finiture ecosostenibili

Top portalavabo sospeso in ecomalta (collezione Cubik)

Un esempio di finitura naturale ed ecologica per i mobili da bagno? L’ecomalta. Si tratta di un prodotto fatto a mano con il quale si possono realizzare top e lavabi o rivestire interamente i mobili. In questo articolo abbiamo spiegato in modo dettagliato cos’è, con alcune informazioni anche sulle caratteristiche e sulle indicazioni per la manutenzione.

Esteticamente, l’ecomalta si presenta come una finitura naturale, disponibile in svariate colorazioni. Al tatto risulta morbida, è facilmente lavabile e può rivestire qualsiasi superficie o elemento d’arredo, incluso il pavimento. Ha inoltre ottenuto numerose certificazioni che garantiscono la sostenibilità ambientale del prodotto in sé e del suo ciclo produttivo: l’ecomalta è antibatterica, sicura, antiscivolo, ignifuga, non rilascia esalazioni nocive né formaldeide ed è perfino in grado di depurare l’aria. Se vuoi approfondire, puoi leggere qui.

4. Piastrelle e arredo bagno riciclati e riciclabili: scegliere il gres

Più conosciuto come materiale per piastrelle di pavimenti e pareti, il gres può essere oggi adottato per rivestire anche top, lavabi e mobili da bagno, nella versione a basso spessore. Durevole, igienico e resistentissimo, il gres viene prodotto grazie all’impiego di materie prime naturali purificate dall’acqua e tecnologie ecosostenibili, ottenendo quindi un materiale perfettamente riciclabile, e a sua volta riciclato (si parla in questi casi di materie double green, ossia doppiamente ecologiche).

I frontali di questa composizione sono rivestiti con lastre sottili di gres porcellanato effetto marmo Statuario (collezione Dogma)

Anche il gres porcellanato può vantare il riconoscimento di svariate certificazioni, come la UNI EN ISO 14021 (che garantisce l’impiego fino al 40% di materie prime riciclate). Viene prodotto in grandi lastre con spessore sottilissimo, tagliate per rivestire vasche, piatti doccia, top, lavabi e frontali di mobili. Il risultato è un bagno completamente coordinato con i rivestimenti, per un effetto total look minimal e raffinato.

5. Materiali per l’arredamento del bagno: i legni di recupero

Alcune aziende hanno particolarmente a cuore l’ambiente e la valorizzazione del territorio. Una strategia vincente da questo punto di vista prevede l’impiego di legname recuperato come, per esempio, il legno fossile: proveniente da tronchi plurisecolari e millenari sepolti nei letti dei fiumi o dei laghi che hanno mantenuto intatte le venature, aumentandone la durezza e conferendo una tonalità naturale unica. Queste assi di legno vengono riportate a nuova vita in mobili da bagno moderni e di design, con un impatto estetico di notevole pregio.

Top portalavabo sospeso in rovere fossile (collezione Cubik)

Il calore dei mobili da bagno in legno è impareggiabile: ne abbiamo parlato in uno degli ultimi post.

6. Pannelli ecologici per i mobili da bagno

Scegliere arredo bagno green significa soffermarsi sui dettagli quali la struttura interna dei mobili: la preferenza in questo caso dovrebbe sempre andare ai pannelli ecologici (pannelli quindi che hanno ottenuto una certificazione ambientale) realizzati con legno riciclato al 100% e pressato con resine a bassissimo contenuto di formaldeide. Il loro utilizzo comporta sia una importante riduzione dei consumi energetici che una produzione limitata di emissioni derivanti dai cicli produttivi. Il tutto nell’ottica di contenere il più possibile inutili sprechi, di materiali e di energia.

7. Box doccia? Belli ed ecologici

Anche i box doccia sono a tutti gli effetti prodotti green! Vengono realizzati con due materiali riciclati e riciclabili, ovvero il vetro e l’alluminio, con un ciclo produttivo virtuoso che rende il prodotto finito (oltre che bello) ecologico e dal design sostenibile.

Per evitare anche lo spreco di detergenti chimici e aggressivi (inquinanti e in genere venduti in flaconi di plastica monouso), potresti scegliere il box doccia in base alla semplicità di pulizia dei vari modelli (profili e vetri), come abbiamo consigliato in questo post oppure optare per un box doccia con vetro trattato in finitura Timeless® per cabine doccia anti- corrosione che limita i depositi di calcare e le macchie.

Dettaglio delle maniglie in alluminio del modello Slim – Disenia

8. Green design in bagno: dall’arredo ai saponi

Un ultimo consiglio, per chi davvero ha a cuore il nostro ecosistema e vuole realizzare un bagno di design ecosostenibile in tutto e per tutto, è relativo ai prodotti per l’igiene personale e la cura del corpo. Nell’ottica di ridurre il più possibile l’uso della plastica monouso, prova a usare saponi o shampoo solidi, spazzolini ecologici, o cerca alternative ecologiche a tutti i prodotti per l’igiene personale che butti generalmente nel secco indifferenziato.

Piccole attenzioni e grandi scelte che possono davvero fare la differenza per il nostro futuro e per quello di chi verrà dopo di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti anche