Rinnovare un bagno piccolo non è più un problema

Idee e soluzioni d’arredo per sfruttare ogni cm e dilatare gli spazi in un bagno di dimensioni ridotte.

Rinnovare o ristrutturare un bagno molto piccolo può essere una sfida progettuale ardua, ma non impossibile. Esistono infatti numerosi accorgimenti da adottare per far sembrare gli ambienti più ampi, così come svariate soluzioni di design per arredare bagni piccoli. In questo post vedremo quali possono essere le migliori idee salvaspazio per il bagno e i suggerimenti per migliorare la percezione dello spazio in ambienti piccoli.

1 | Area lavabo: mobili salvaspazio per bagni piccoli

Se il bagno è molto piccolo può essere difficile inserire un mobile da bagno sufficientemente capiente. Ecco alcune idee utili per la scelta d’arredo dell’area lavabo:

  • Optare per basi portalavabo con profondità ridotta (36 cm) con lavabo (o top con vasca integrata) da semincasso. In questo modo, pur avendo mobili meno profondi, il lavabo resta comodo e ampio;

    Base portalavabo con profondità 36 cm e top con lavabo semincassato: la sagoma del lavabo è asimmetrica e non toglie comodità alla vasca nonostante la dimensione delle basi | Collezione Form
  • Sfruttare le altezze scegliendo mobili a terra (non sospesi), in modo da ricavare un cassetto o ripiano in più;

    Base a terra monoblocco con cassetti e lavabo in Aquatek (70 x 36 cm), installabile anche in centro stanza. Le colonne sono posizionate su un’altra parete libera, lasciando la base portalavabo piccola e compatta | Collezione Cubik
  • Ancora, sfruttare le altezze aggiungendo pensili sopra il mobile da bagno, per avere i prodotti di uso quotidiano a portata di mano;
  • Posizionare colonne o pensili anche in aree diverse da quella del lavabo, ad esempio la parete sopra il bidet, in genere vuota;

    Un’insolita soluzione per rinnovare un bagno lungo e stretto, sfruttando la parete lunga: alla base portalavabo monoblocco viene aggiunta la capienza dei pensili che corrono in lunghezza fino al vetro della doccia, integrando la specchiera | Collezione Cubik
  • Utilizzare mensole o piccoli vani a giorno come ulteriore appoggio, anche trasparenti (risultano molto leggere esteticamente).
    Colonne sospese trasparenti in cristallo extrachiaro per aggiungere piani d’appoggio senza appesantire l’ambiente (L 35 x P 20 x H 110 cm) | Collezione Cubik

    Se si ha più spazio in una parete ad angolo del bagno, la composizione può essere creata copiando l’idea in foto (riducendone le dimensioni). Il lavabo si sposta verso l’angolo, la specchiera di conseguenza, e i pensili vengono posizionati lateralmente, in appoggio sulla base portalavabo | Collezione MyTime

#ideainpiù
Se possibile (perché si è in fase di ristrutturazione totale), si può incassare un mobile contenitore all’interno del muro, così da nasconderne la profondità. Le ante saranno così a filo parete. 

E se il bagno è davvero molto piccolo? Minibase portalavabo 45×28 cm, che diventa 60 cm con l’aggiunta di un vano a giorno laterale | Collezione Form

2 | Illuminare un bagno piccolo

La luce in un bagno di piccole dimensioni diventa elemento fondamentale da considerare in fase progettuale. Una volta elaborato il calcolo illuminotecnico, che considererà anche l’incidenza della luce naturale, si possono scegliere faretti e lampade che esaltano alcune aree del bagno (sicuramente la zona lavabo e l’area centrale) e fanno luce dove serve. La zona doccia o la zona della vasca possono essere illuminate in modo speciale per essere enfatizzate. In ogni caso, mai sottostimare il fabbisogno luminoso di un bagno piccolo, per evitare di farlo apparire ancora più piccolo! L’abbinamento tra specchiera e lampade può creare soluzioni ad effetto come quella illustrata in questo progetto d’interni.

La specchiera riveste l’intera parete corta di questo bagno, in cui la base portalavabo è realizzata su misura per riempire l’intera larghezza. L’illuminazione a led enfatizza la linearità e la luminosità del bianco | Collezione Cubik (progetto e photo credits Francesco Fostinelli)

3 | Specchi per bagni piccoli

Un accorgimento sempre utile è prevedere specchi molto grandi (volendo anche a tutta parete come nel progetto appena visto) per raddoppiare la percezione dello spazio. Di grande tendenza le specchiere tonde maxi formato, da posizionare centralmente o lateralmente rispetto al mobile da bagno. Utili e mai fuorimoda restano gli specchi contenitori che fondono due funzioni in una, fungendo da soluzione salvaspazio in bagni piccoli.

Specchio contenitore che occupa l’intera larghezza della base: comodo per nascondere piccoli prodotti e per allargare la superficie della specchiera | Collezione MyTime

[PORTFOLIO]
Ristrutturare un bagno piccolo e stretto: idee originali per recuperare ogni cm

In questo progetto di un architetto tedesco i nostri prodotti sono stati combinati tra loro dando vita a una composizione che non spreca nemmeno un centimetro, offrendo ampio spazio contenitore, una doccia di comode dimensioni e un mobile che nasconde la lavatrice. Il top del mobile da bagno passa attraverso il vetro della doccia creando una mensolina da utilizzare come appoggio interno. Un’idea sicuramente da copiare per ristrutturare un bagno piccolo con doccia: l’ambiente, lungo e stretto, diventa così luminoso e funzionale, e molto elegante grazie all’uso di toni neutri e tenui contrasti cromatici.

Design by Frick Badezimmer Ulm | Collezione Cubik | Cabina doccia walk-in Disenia

4 | Sanitari, vasche, docce: le migliori soluzioni per piccoli bagni

Ultimo appunto doveroso va fatto in merito agli altri elementi d’arredo del bagno: sanitari, vasche e zone doccia. Il design oggi corre in soccorso dei bagni diventati sempre più piccoli (in case sempre più piccole), e ci fornisce soluzioni ingegnose per recuperare tutti i cm possibili.

  • Wc e bidet esistono anche con profondità ridotte rispetto allo standard (da valutare attentamente in base alla corporatura dei fruitori del bagno);
  • Ristrutturare un bagno piccolo con vasca diventa più facile se questa ha dimensioni inferiori allo standard (ossia 70×170 cm);
  • La zona doccia può essere realizzata a misura – anche grazie a piatti da sagomare su progetto – e chiusa con soluzioni scorrevoli o ante che non ingombrano esternamente. L’argomento però necessita di ulteriori approfondimenti, che saranno oggetto di un prossimo post.

#ideainpiù
Rivestimenti e piastrelle per un bagno piccolo

Anche il fattore colore e la scelta dei rivestimenti incide sul risultato finale, pertanto è bene avere un’idea complessiva del progetto, completa di palette colori e selezione dei materiali da rivestimento.
Banalmente, i colori tenui e chiari illuminano e aumentano lo spazio percepito, mentre quelli scuri contribuiscono a rendere più angusto l’ambiente, così come le finiture lucide riflettono la luce (naturale o artificiale che sia) di più di quelle opache.

Lascia un commento