Piante da bagno: come sceglierle in base all’esigenza

Come arredare il bagno con le piante

Sempre più spesso si parla di piante da bagno come elementi di decoro: donano all’ambiente un aspetto elegante, possono essere usate come punti di colore e aiutano a depurare l’aria della stanza.

Come sceglierle?

Si parte dalla valutazione di tre aspetti fondamentali: umidità, luminosità e temperatura. Nel primo caso si tratta solitamente di valori piuttosto alti a causa della presenza costante di acqua, sia essa nel lavabo, nella vasca o nel box doccia.

Per aiutarvi ecco un piccolo schema, con alcune piante di facile reperibilità:

Temperatura

Bassa

Alta

Luce

Poca

Felce

Maranta

Molta Campanula

Aloe

Valutare la luce è importantissimo. Esistono molte piante adatte anche a un bagno cieco o con finestre molto piccole: oltre alle già menzionate possiamo ricordare ad esempio l’edera e il filodendero.

Per un bagno senza finestra potete anche optare per un unico vaso di fiori freschi molto colorati: daranno luce alla stanza e per loro natura devono essere cambiati spesso.

Ideagroup vasca oval e abbinamento piante da interni
Vasca Oval by Disenia

A livello di design gli accorgimenti sono pochi ma da non dimenticare: scegliete poche piante e che non intralcino; scegliete specie senza fiori o, se li preferite, che si abbinino ai colori dell’arredobagno o dei complementi oggetto. Avete mobili bagno moderni? Potete giocare anche sull’effetto a contrasto, con tinte forti e inusuali.

Diverso è invece scegliere le piante per un bagno piccolo: il loro obiettivo non sarà il semplice decorare, ma anche il rendere visivamente più spazioso l’ambiente.

Innanzitutto optate per specie dal tronco piccolo o formate da sole foglie: dovranno avere un’aria di leggerezza. Potete optare per vasi sospesi o piccoli rampicanti, sfruttando piccoli antri vuoti del muro. Un’alternativa sono dei mini-terrarium da appoggiare al davanzale o dei bonsai da appoggiare sulle mensole. Le prima saranno facili da curare, in quanto grasse, le seconde invece richiedono molta più attenzione e sono preferibili per chi ha già un ottimo pollice verde.

Fonti immagini: This Is Colossal; theZenSucculent; We Are Scout; Home Edit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti anche